Suggerimenti SEO da Semalt per classifiche organiche migliori



I motori di ricerca come Google sono essenziali per la visibilità delle aziende oggi. SEO - o ottimizzazione dei motori di ricerca - è la parola magica qui. Perché l'obiettivo di posizionarsi in cima alle query di ricerca pertinenti nella pagina dei risultati di Google è importante anche per le aziende B2B al fine di attirare il traffico dal gruppo target al proprio sito web. Quindi, essendo questo molto importante per la visibilità delle aziende, abbiamo scritto questo articolo per farti sapere quanto vale la SEO e la sua importanza nel B2B.

Cosa significa SEO? E la SEO vale la pena nel B2B?

Le misure di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) mirano a portare le singole pagine della tua presenza sul web ai termini di ricerca appropriati tra i primi dieci risultati di ricerca. Quando calcoliamo queste classifiche, i motori di ricerca utilizzano gli innumerevoli fattori e i segnali dell'utente.

Tra le altre cose, i motori di ricerca valutano la struttura, la tecnologia e la velocità del tuo sito web. Tuttavia, la quintessenza della SEO è soprattutto il contenuto, ovvero il contenuto che offri sul tuo sito. Questo è anche valutato e verificato se è così buono per Google, Bing e co; per una determinata parola chiave o una query di ricerca.

Il contenuto è sempre buono se risponde pienamente alle domande del ricercatore e se è soddisfatto. I segnali dell'utente come la durata del soggiorno, la percentuale di clic o se un utente visita solo il tuo sito per pochi secondi e poi richiama un altro risultato di ricerca su Google.

La SEO B2B è ancora in qualche modo differenziata dalla SEO B2C. Anche se Google utilizza fondamentalmente gli stessi criteri di valutazione, B2B e B2C SEO differiscono nei seguenti punti:
  • Nel B2B, le parole chiave pertinenti di solito hanno un volume di ricerca significativamente inferiore
  • La concorrenza è molto più alta nel B2C
  • I negozi vengono utilizzati più spesso nel B2C che nel B2B
  • Il B2B è per lo più dominato da argomenti più complessi e quindi richiede contenuti più complessi e gergo tecnico
Tuttavia, SEO o Google è un canale estremamente importante per il marketing B2B e dovrebbe essere saldamente ancorato in ogni strategia di marketing. Se ti classifichi bene nel tuo settore, genererà molto traffico dal giusto gruppo target. Questo a sua volta può aumentare il tasso di conversione e portare immensamente. Inoltre rende noto il tuo marchio e la tua azienda è percepita come un esperto nella rispettiva area tematica.

Che cos'è SEO e ottimizzazione per i motori di ricerca: una definizione

SEO è l'abbreviazione del termine inglese Search Engine Optimization.

Quindi SEO e ottimizzazione dei motori di ricerca sono la stessa cosa: a volte viene utilizzato il termine ottimizzazione SEO, ma è piuttosto colloquiale e semanticamente errato.

Questa tattica - che di solito è incorporata nel marketing online - descrive tutte le misure che le aziende o le persone adottano per classificarsi meglio organicamente (non retribuite) sui motori di ricerca. Perché un buon posizionamento per le query di ricerca corrette significa visibilità nel gruppo target.

Se il tuo risultato di ricerca (anche snippet) sembra promettente nella pagina dei risultati di ricerca (anche SERP) e viene cliccato dalle persone che cercano, aumenti il ​​traffico sul tuo sito web con questo buon posizionamento. Il traffico descrive il numero di utenti che visitano il tuo sito web.

Ma il traffico non è l'unico effetto positivo di un buon posizionamento nei motori di ricerca: se il tuo sito web compare nell'argomento preferito per numerose query di ricerca, questo ha anche un effetto di branding positivo: sarai percepito dagli utenti del tuo gruppo target come un esperto di argomenti.

Marketing SEO: quando è buono il posizionamento nei motori di ricerca?

Non esiste una risposta chiara a questa domanda. Perché dipende sempre dal tuo gruppo target. Ma alcuni fatti aiutano a valutare le tue posizioni in classifica:

La stragrande maggioranza dei clic proviene dai risultati nella prima pagina dei risultati di ricerca. Con la versione desktop di Google, vengono forniti 10 risultati per la rispettiva query di ricerca. Nella versione mobile, ce ne sono solo 7. Secondo uno studio di Sistrix del 2015, il 99,1% di tutti i clic proveniva dalla prima SERP.

Ma di solito non è sufficiente essere classificati 8 o 9 con il risultato della ricerca. Nello stesso studio, il fornitore di strumenti SEO ha anche scoperto che i clic sono distribuiti in modo molto diverso, anche tra i primi 10 risultati:
  • Di conseguenza, il primo risultato di ricerca ottiene circa il 60% di tutti i clic, il terzo snippet solo il 7,92% e l'ottavo risultato solo l'1,33%.
  • Per l'ottimizzazione dei motori di ricerca B2B, questo sviluppo è ancora più drammatico.
  • Inoltre, funzionalità di Google come il Knowledge Graph e il Featured Snippet (abbiamo evidenziato ulteriori risultati sulle funzionalità di Google in questo studio SEO) ma anche Google Ads, che sono fondamentalmente al vertice della SERP, offrono un'ulteriore concorrenza che ne aumenta il numero dei clic di riduzione.
  • Inoltre, nella SEO B2B utilizzi principalmente termini o ranking per le query di ricerca che hanno un volume di ricerca molto basso. Con circa 100 query di ricerca al mese e il tuo sito web in ottava posizione, sarebbero 1,33 persone al mese che finiranno sul tuo sito web. In concreto, questo significa: per ottenere davvero una quantità significativa di traffico, devi classificare i risultati della tua ricerca nelle posizioni 1 - 3 - specialmente nell'area mobile.

SEO, SEA, SEM? Definizione dei termini

Oltre al SEO e all'ottimizzazione per i motori di ricerca, si sentono e si leggono ripetutamente i termini SEA; Marketing sui motori di ricerca, SEM ecc. Chiariamo i termini relativi ai motori di ricerca:

Spiegato brevemente, SEM (Search Engine Marketing o English Search Engine Marketing) è il termine generico che comprende le due tattiche SEO (Search Engine Optimization o English Search Engine Optimization) e SEA (Search Engine Advertising o English Search Engine Advertising).

La grande differenza tra SEO e SEA è che con la SEO utilizzi la qualità dei contenuti, la focalizzazione sull'argomento, una buona struttura tecnica e buoni segnali utente per assicurarti di avere un buon posizionamento organico (non pagato) su Google per determinati termini di ricerca. Mentre con SEA paghi per un posizionamento nella parte superiore della pagina dei risultati di ricerca (SERP) per una o più parole chiave.

Inoltre, alcuni altri termini sono di interesse generale per il marketing sui motori di ricerca:
  • Ranking: il posizionamento del tuo sito web sui motori di ricerca.
  • SERP: la pagina dei risultati dei motori di ricerca.
  • Snippet: il singolo risultato della ricerca, composto dall'URL, dal tag del titolo e dalla meta descrizione.
  • Snippet in primo piano: un risultato di ricerca particolarmente evidenziato che viene visualizzato nella parte superiore della pagina dei risultati di ricerca e fornisce una risposta concisa alla query di ricerca.
  • Crawler: un algoritmo che esamina e valuta il tuo sito web.
  • Indicizzazione/Deindicizzazione: qui specifichi se un determinato URL del tuo sito web deve essere cercato dal bot di Google (anche un crawler) ed elencato su Google.
  • CTR: la percentuale di clic descrive la relazione tra le impressioni e i clic dei risultati di ricerca su Google.
  • Clic breve/Ritorno alla SERP: quando si fa clic su un risultato di ricerca su Google, ma l'utente fa clic di nuovo sulla pagina dei risultati di ricerca entro pochi secondi, senza aver eseguito alcuna interazione sulla pagina.

Perché dovresti ottimizzare per Google?

L'importanza della SEO è aumentata enormemente negli ultimi anni - anche per le aziende B2B, perché la ricerca e le ricerche iniziano sempre più frequentemente sui motori di ricerca - in particolare Google.

In un confronto globale, Google è di gran lunga il motore di ricerca più importante. Questo è seguito da Bing di Microsoft e al terzo posto da Yahoo!

Le quote di mercato globali dei motori di ricerca (a gennaio 2020)

Google (87,16%)

Bing (5,57%)

Yahoo! (2,83%)

Utilizzo del motore di ricerca

Ciò significa che le classifiche che effettivamente portano traffico al sito web, Google SEO sono quasi esclusivamente rilevanti. A proposito, la ricerca mobile è ancora più dominata da Google.

Dal 2019 è emerso che i motori di ricerca sono il punto di contatto più importante su Internet. Il 92,6% degli intervistati lo utilizza frequentemente, ma almeno occasionalmente. Ciò pone i motori di ricerca al primo posto tra le funzioni più utilizzate in Internet.

Ciò significa che i potenziali clienti cercano anche online specificamente su Google, per la soluzione ai loro problemi. Se non sei classificato per le ricerche giuste, c'è un'alta probabilità che questi potenziali clienti non ti considerino un fornitore o non ti notino affatto.

Suggerimenti SEO per i content marketer

Il content marketing è sempre più utilizzato nella creazione di campagne promozionali a lungo termine per le aziende. Ci sono sempre più specialisti in questo campo, ma il contenuto preparato contiene ancora alcuni errori SEO di base. Sì, proprio con la SEO, perché sebbene i contenuti del content marketing debbano essere di alta qualità, non bisogna dimenticare che devono rispettare i principi base della SEO. Ecco perché abbiamo preparato una voce in cui ogni content marketer troverà un elenco di cose che vale la pena controllare in termini di SEO. Vedi se c'è qualcosa per te tra questi che migliorerà le tue attività.

Suggerimenti SEO per i content marketer: cosa porteranno al tuo lavoro?

Si ritiene comunemente che i testi SEO siano i testi inferiori, utilizzati solo per il posizionamento. Ecco perché molte persone sono sorprese quando si scopre che il content marketing ha così tanto a che fare con la SEO. Alla fine, è l'aiuto SEO i tuoi contenuti per ottenere una migliore visibilità nella ricerca. Pertanto, vale la pena prendere in considerazione i consigli degli specialisti SEO che renderanno il contenuto più raffinato in termini di ricerca e le persone che sono effettivamente interessate al prodotto o servizio del tuo sito web lo troveranno. SEO e content marketing dovrebbero essere implementati contemporaneamente per un motivo.

Quali suggerimenti SEO sono i più importanti per i content marketer?

I consigli SEO riguardano solitamente gli errori più comuni legati alla preparazione dei contenuti del content marketing in termini di posizionamento del sito web. Quindi scopri di seguito gli errori più comuni.

Selezione errata o omissione di parole chiave

Qui faremo un semplice esempio per capire meglio. Prendiamo i testi sulla moda maschile per un negozio online, le parole chiave migliori saranno "moda uomo", "abiti da uomo", invece di "moda" o "abbigliamento" (con quest'ultimo, le donne in cerca di suggerimenti potrebbero imbattersi per me) . Quindi come scegliere le frasi chiave per posizionare bene il sito web e allo stesso tempo mantenere un'elevata qualità dei contenuti? Gli strumenti di pianificazione delle parole chiave possono aiutare. Uno degli strumenti di base e gratuiti di questo tipo è il Keyword Planner di Google. È inoltre possibile utilizzare altre applicazioni e programmi gratuiti oa pagamento disponibili su Internet. È anche utile conoscere le possibilità offerte da Google Trends.

Nessuna ottimizzazione del sito web per il SEO

Abbiamo già menzionato le parole chiave, ma l'ottimizzazione del sito web per un motore di ricerca non riguarda solo i testi. Sono importanti anche la grafica, i collegamenti alle sottopagine e se i modelli adattati alla risoluzione dei vari dispositivi. In questa materia, i consigli SEO sono molto importanti in quanto influiscono direttamente sulla preparazione del sito web, sulla pubblicazione e sul successivo posizionamento sui motori di ricerca.

Mancato monitoraggio della visibilità degli articoli e del comportamento degli utenti

Accade spesso che le persone che preparano il contenuto per i siti Web non esaminino come viene percepito dalle persone che ricevono il contenuto. Che abbia ottenuto visibilità su Internet o meno. Se per una determinata parola chiave è stato scritto un articolo interessante, vale la pena controllare di tanto in tanto la posizione e, se necessario, intraprendere le azioni necessarie per migliorare la posizione.

Nessun collegamento alla pagina

Abbiamo già scritto sull'importanza della distribuzione dei contenuti sul blog. Dal punto di vista del posizionamento del sito web, è molto importante ottenere i link delle pagine che sono un segno per Google che qualcuno ha apprezzato il nostro contenuto e lo consiglia. Quando pubblichi il tuo testo su un altro portale e c'è una tale possibilità, vale la pena firmare l'autore con un link attivo, non è solo una buona soluzione in termini di posizionamento del sito web, ma rende anche più facile la ricerca per gli altri il sito web dell'autore su Internet.

Modifica dell'indirizzo del sito web

Un altro errore commesso dai creatori di contenuti è cambiare l'indirizzo della pagina in cui l'articolo è stato pubblicato o spostarlo in un'altra sottopagina senza reindirizzarlo. Se un articolo del genere è già stato promosso su Internet, tutto il lavoro è sprecato, perché gli utenti di Internet finiranno al vecchio indirizzo. Inoltre, i robot di Google non trasferiranno l'alimentazione alla nuova sottopagina, perché i motori di Google non sapranno dove è stato spostato l'articolo.

Conclusione

Come puoi vedere, la SEO è sempre associata al content marketing e complementi di contenuti di alta qualità, consentendo una migliore preparazione del sito web e aumentando il numero dei destinatari, quindi una posizione più elevata nel motore di ricerca.

Interessato alla SEO? Dai un'occhiata ai nostri altri articoli su Blog di Semalt.